L’industria del gambling in Sud Africa non è riuscita a decollare per la mancanza di leggi in grado di regolare il settore. Il governo, tra le varie proposte, non ha ancora trovato quella adatta e tutto ciò significa una notevole perdita di introiti. Questa settimana però, secondo dei media locali, una proposta sarebbe al vaglio pronta per essere approvata. La legge si occuperà di rendere legale il gioco sia dal punto dei vista dei giocatori che dei siti internet.

La “National Gambling Board” del Sud Africa ha attentamente studiato gli effetti del gioco online ed eventuali restrizioni per una parte della popolazione, come i minori. Nel 2004 il gambling era stato reso illegale dalla Commissione africana in quanto il governo aveva bisogno di tempo per effettuare delle ricerche a riguardo.

Secondo noi lo stesso approccio è stato preso dagli USA e anche dall’Italia, in parte. Gli Stati Uniti hanno di fatto chiuso la porta agli operatori stranieri e stanno studiando delle leggi per regolarizzare il settore internamente. L’Italia ha chiuso 600 siti da Febbraio senza dare possibilità agli operatori di regolarizzare la loro situazione. Solo da poco infatti i monopoli hanno indetto un bando ma il blocco dei siti continua.

Siamo felici di notare come il Sud Africa abbia deciso di regolare il settore e non chiuderlo come gli Stati Uniti. Secondo alcune stime il gambling online dovrebbe triplicare le sue entrate entro il 2010.