Il professore Alastair Gillespie ha dichiarato che dei semplici giochi d’azzardo dovrebbero essere usati per insegnare la matematica nelle scuole scozzesi. Mr Gillespie è convinto infatti che un dado ed un mazzo di carte possano aiutare gli studenti delle scuole secondarie ad imparare le basi della matematica e renderla più interessante. Ovviamente c’è chi non ha apprezzato le dichiarazioni del professore

controbattendo che un eccessivo utilizzo dei giochi d’azzardo potrebbe dare dei segnali sbagliati agli alunni. La Scozia ha infatti uno dei tassi più alti di problemi legati al gambling ed il facile accesso ad internet non ha certamente migliorato la situazione negli ultimi tempi. Come al solito quando si parla di gambling ci si trova sempre ad affrontare l’aspetto morale.

Ecco cosa pensa il professor Gillespie a riguardo:”E’ ovvio che non voglio promuovere il gioco d’azzardo tra i minori ma ci sono molti alunni che non riescono a capire il calcolo delle probabilità e semplici giochi come il lancio di una moneta oppure una partita a carte sono il modo per rendere più interessanti le lezioni. Direi che spiegare il calcolo delle probabilità utilizzando degli esempi pratici avrà l’effetto opposto infatti gli alunni capiranno quanto sia difficile vincere in alcuni giochi. Anzi direi che una volta che gli alunni hanno appreso alla perfezione il calcolo delle probabilità non compreranno neanche un biglietto della lotteria.” Forse è questo ultimo scenario che non ha riscosso molti consensi da chi si schiera contro le idee innovative del professor Gillespie.