Alcuni “rumors” provenienti dalla Casa Bianca confermano che il Port Security Bill sarà firmato nella giornata di venerdi. Nonostante non ci sia possibilità di veto la legge che cerca di bloccare le transazioni verso siti di scommesse potrebbe essere separata da quella della sicurezza portuale. Non è ancora chiaro comunque se la legge anti-gambling verrà modificata o addirittura approvata.

La lobby delle banche sembra preoccupata per il costo dell’eventuale applicazione della legge che potrebbe arrivare a miliardi di dollari. Quindi non solo gli americani perderebbero soldi dall’opeazione ma non incasserebbero neanche le tasse dai 6 miliardi di dollari giocati in america ogni anno.

Oltre a ciò il blocco fissato dal Internet Gambling Enforcement Act può essere superato facilmente ed in diversi modi, la legge allo stato attuale non ha un’altà probabilità di essere approvata. In caso contrario gli USA potrebbero divenire il paese dove giocare a poker online è ritenuto più pericoloso che portare una pistola.